The Beauty Inspiration


8 commenti

La bellezza, ovvero una promessa di felicità?


Stendhal scrisse: “La bellezza è una promessa di felicità”.
Marcel Proust un secolo dopo aggiunse: “Lasciamo le belle donne agli uomini senza immaginazione”.

E oggi?  venere-botticelli

Continua a leggere

Annunci
Paris_je_t'aime


2 commenti

Paris, je t’aime


Care amiche di makeup,
avevo previsto una recensione, che magari pubblicherò nei prossimi giorni, oggi preferisco scrivere qualche riga di cordoglio riguardo la tragedia accaduta a Parigi la notte di venerdì 13. Un massacro che ci ha colpiti, siamo cittadini europei oltre che italiani, e la Francia da sempre fa parte della nostra vita.  È la patria dell’haute couture, dell’alta moda, dello champagne, della cosmesi e dei profumi più famosi al mondo.  Ma non solo, molti di noi come me hanno amici o parenti in Francia e la preoccupazione per la loro sicurezza ieri è stata grande.

Era un tranquillo weekend come tanti, con tanta gente in giro, a sentire un concerto, vedere una partita, mangiare una pizza o bere un drink, quando è accaduto l’impensabile: esplosioni in diversi punti della città causati da attacchi terroristici,  con un tragico epilogo di 129 morti e 352 feriti di cui un’ottantina in gravi condizioni. Numeri suscettibili di cambiamenti, purtroppo. Pray for ParisLa ville lumiere ieri ha spento le luci della Tour Eiffel in segno di lutto e rispetto per le vittime e i monumenti di molte città in tutto il mondo si sono vestiti con i colori della bandiera francese, in un gioco di luci. Cliccando QUI un bellissimo e commovente video mostra i monumenti illuminati dal tricolore.

Il mondo si stringe intorno a Parigi.

Jean Jullien è l’artista francese che ha creato il simbolo della pace divenuto virale in Rete.Peace for ParisVicina e solidale alle vittime e alle loro famiglie, sono addolorata per questo e i numerosi atti terroristici che purtroppo accadono in tutto il mondo. Facebook ci ha permesso  di modificare la nostra foto del profilo e ho aderito anch’io, la terrò qualche giorno.Paris_je_t'aimeParis, je t’aime♥

©2015 Mirella Puccio – Tutti i diritti riservati


2 commenti

Si fa presto a dire beauty blogger


Si fa presto a dire “beauty blogger“. Scrivere è un lavoro serio e impegnativo, anche quando si parla di belletti e profumi.

professione-beauty-bloggerIl web pullula di beauty blogger, vlogger, youtuber, make-up artist… una vera invasione (pacifica!).
Nell’altro mio blog dedicato alla lettura e alla scrittura ho elaborato un post al riguardo, in cui, oltre a presentare il mio blog ai lettori di Tiscali, con un pizzico d’ironia disserto sul tema “beauty blog e dintorni“, potete leggerlo cliccando qui.

Ci sono tanti beauty blog e siti sulla cosmesi validi e interessanti, ma un’enormità di altre pagine scritte alla bell’e meglio sono meno che mediocri.

Entri una volta, dai un’occhiata e poi chiudi.

Forma (bruttina) sostanza (scarsa).

Leggere una recensione, magari discreta, ma infarcita di strafalcioni, è assai deludente. Denota approssimazione, noncuranza, oltre che lacune grammaticali e poco rispetto verso i lettori.  Non si possono chiudere gli occhi su certi errori grammaticali, fatta eccezione per sviste ed errori di digitazione, s’intende. Il correttore di Word bisogna anche saperlo usare e non sempre funziona a dovere 🙂

Oggi non è difficile consultare un dizionario online, a costo zero: http://www.treccani.it/vocabolario/

La lingua italiana è difficile, la grammatica è complessa come quella francese e richiede attenzione nella scrittura; dotarsi di un testo è d’obbligo per chi desidera scrivere in modo corretto. I termini presi a prestito da altre lingue devono essere ortograficamente perfetti, altrimenti è meglio evitare.

Trovate gratuitamente online tanti dizionari per la lingua inglese, ad esempio:
Hoepli, http://dizionari.repubblica.it/inglese.php
Sansoni, http://dizionari.corriere.it/dizionario_inglese/
oppure investite qualche decina di euro,  ne acquistate uno dotato di CD e lo installate nel vostro computer al fine di verificare senza perdite di tempo i termini desiderati. Diventando imbattibili sotto il profilo grammaticale e sintattico, occorre migliorare il lessico. Sapevate che il vocabolario fondamentale dell’italiano (lessico fondamentale) è composto da 2.000 vocaboli? In realtà pare che ne vengano usati non più di 300 da chi ha una scarsa istruzione; l’impoverimento della lingua italiana e il linguaggio da SMS hanno contribuito non poco. Un dizionario dei sinonimi può essere utilissimo per ampliare la conoscenza dei termini, evitando noiose ripetizioni. Anche in questo caso lo trovate gratuitamente online nel sito della Treccani: http://www.treccani.it/sinonimi/

A questo link la classifica di gennaio 2015 riguardante i beauty blog più influenti, in cima non può mancare BeautYdea, com’è ovvio! A tempo perso diamo un’occhiata agli altri, alcuni meritano più di una visita!

Dal beauty blog al video il passo può essere… fatale 😦
La dialettica (e la dizione) di alcune youtuber talvolta lascia a desiderare, tuttavia non posso fare a meno di ammirare il coraggio di chi cerca di intavolare un monologo di senso compiuto fra sospiri, esitazioni, risatine e sbattiti di ciglia 🙂

Indubbiamente si tratta di una moda che è attecchita come un virus (Clio docet), facendo proseliti in ogni parte del mondo e di fatto è tutta pubblicità gratuita alle case cosmetiche.

francesi le hanno ribattezzate youtubeuses beauté (quanto mi piace questa definizione!) e l’età media è 13 anni. L’articolo di D.Repubblica fornisce dati interessanti sul fenomeno in continua ascesa, una delle star emergenti è Vanessa Ziletti con oltre 109.000 iscritti al suo canale YouTube Magico Trucco.

Care amiche/colleghe che dire, se non ad maiora!

©2015 Mirella Puccio Tutti i diritti riservati 


4 commenti

L’editoriale della settimana: HydraFacial MD


Cos’hanno in comune Kate Winslet, Eva Mendes, Beyoncé Knowles e Halle Berry?

Un trattamento di bellezza purificante, antiage e liftante, indolore non invasivo, dai costi accessibili anche a noi comuni mortali. È arrivata in Italia HydraFacial MD, un’apparecchiatura che aiuta a combattere macchie, impurità, brufoli e punti neri, pelle secca e opaca, rughe e segni.

Vi presento il sistema HydraFacial Dermabuilder, in esclusiva alla Medical Spa Image, l’unico macchinario in grado di eseguire la idro-dermo abrasione. Mentre idrata, toglie lo strato corneo e il sebo in eccesso. Esfolia, ringiovanisce la pelle, idrata, nutre. Adatto a ogni età, è una vera rivoluzione. Negli Stati Uniti è in voga da tempo, ma per l’Italia è una assoluta novità. A immetterlo sul mercato Elena Colombani e il Prof. Carlo Tremolada, Direttore Scientifico della Image Medical Spa di Milano,  specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva  e in Chirurgia Maxillo-Facciale.

HydraFacial MD è in grado di eseguire una idro-dermo abrasione,  tecnica di resurfacing che assicura una pulizia profonda, ma delicata,  purifica la pelle e stimola  i fibroblasti nella produzione di collagene ed elastina. In una sola seduta, si esegue un trattamento che coniuga pulizia, esfoliazione, idratazione e protezione antiossidante, levigando e rassodando l’ovale. In un’ora il viso risplende di nuova vita! Consigliabile per tutte le pelli, anche le più sensibili, è possibile trattare anche collo e décolleté. La tecnologia utilizza un manipolo, precisamente un pennino abrasivo effetto vacuum, usato dall’operatore con diverse punte (tip) intercambiabili (in base alla tipologia della pelle) monouso e caricato con sieri ad hoc, durante le cinque fasi.

HydraFacial_MDLa prima fase, Active-4, consiste nell’applicazione di un prodotto a base di alghe disidratate. Si tratta anche di una fase detossinante, in cui l’operatore aspira le impurità della pelle. La seconda è una pulizia profonda del viso in cui si utilizza una piccola spugna con elementi metallici che lavorano in profondità ed eliminano lo strato corneo. Viene applicato l’acido glicolico (esfoliante) e salicilico (schiarente e levigante)della gradazione adatta al tipo di pelle, preparatorio  alla fase successiva che prevede l’estrazione delle impurità. Dopo qualche minuto il prodotto viene rimosso con un panno molto fresco. Nella terza fase, grazie al Beta-HD (che regola la produzione di sebo) si procede all’asportazione di cellule morte, impurità, punti neri, comedoni, sebo in eccesso.  Nella quarta, con la pelle libera da ogni impurità, si applica Antiox-6, un mix di sostanze idratanti e antiage, come l’acido ialuronico, vitamina A e E, tè bianco. Nella quinta ed ultima fase, per completare il trattamento, si lascia in posa il siero Dermabuilder a base di peptidi, che stimola la rigenerazione cellulare con effetto riempitivo negli eventuali segni d’espressione. A richiesta si può eseguire un linfodrenaggio manuale.

Se ci fate caso, tutte le sostanze suindicate le ritroviamo nelle nostre creme da giorno e da notte, nelle maschere e nelle lozioni, solo che grazie a questa tecnologia, vengono veicolate nella pelle in profondità e ciò rappresenta un indiscutibile vantaggio con risultati immediati ed evidenti. L’immagine mostra i diversi passaggi e l’azione esercitata dal pennino sulla pelle.  

HydraFacial MD 4-stepsHydraFacial MD ha ricevuto nel 2013, per la terza volta consecutiva, il  Beauty Award come Best Antioxidant Product. I sieri, ideali per pelli atone e asfittiche, sono formulati clinicamente per migliorare l’aspetto di linee di espressione e piccole rughe, restringere i pori dilatati, attenuare eventuali macchie della pelle e dare tono ai contorni del viso. Si consiglia un ciclo di 4 trattamenti a distanza di una settimana, mentre come mantenimento, basta una volta al mese. Già alla prima seduta sono visibili i risultati. Non sono stati riscontrati effetti collaterali, ma nel corso della terapia (e come beauty routine SEMPRE) anche d’inverno è meglio utilizzare un idratante con un SPF medio e dopo ogni seduta uno schermo totale per almeno due giorni.

Il trattamento ha una durata di circa 60 minuti e un costo di circa €150,00/200,00.
Ritengo HydraFacial MD un trattamento efficacissimo e non vedo l’ora di provarlo! Al momento però i soli a effettuarlo in Italia sono gli specialisti della Image, la prima Urban Medi-Spa di Milano.

©2014 Mirella Puccio – Tutti i diritti riservati

Ultimo aggiornamento: 06/10/17


9 commenti

Caudalie, la Cosm-etica sostenibile e responsabile


Il Bordeaux non è solo terra di grandi vini, ha ispirato la creazione di una linea di cosmetici e trattamenti Spa etici e naturali. Nel 1995 nasce il marchio Caudalie a base di Polifenoli di vinaccioli d’uva, fra i più potenti antiossidanti vegetali, 10.000 volte più attivi della vitamina E. Nel 1999, dopo la scoperta di una sorgente d’acqua calda a 500 metri di profondità, Mathilde e Bertrand Thomas concepiscono l’idea della prima Spa Vinothérapie®.  L’acqua, sapientemente miscelata agli estratti della vite e dell’uva, è protagonista di trattamenti benessere in armonia con la natura, davvero esclusivi e originali. Le “Sources de Caudalie” a Bordeaux, si trovano nel cuore dei vitigni del Grand Cru classé de Graves, lo Château Smith Haut Lafitte.

Negli anni, altre Spa sono state create in tutto il mondo, per soddisfare le esigenze di una clientela che predilige trattamenti antiossidanti dai principi attivi naturali: Spagna, Stati Uniti, Brasile, Turchia, Portogallo. Caudalie è ormai sinonimo di  vacanze-benessere in location eleganti ed esclusive, meta del turismo internazionale. Il suo impegno nei confronti delle consumatrici è orientato alla bontà degli ingredienti utilizzati per prodotti, trattamenti e massaggi, derivati dalle sostanze presenti nell’uva e nella vite.

Ecco i principi attivi che caratterizzano questo marchio esclusivo:

  • Il Resveratrolo di tralcio di vite dalle proprietà antiage rinforza e aumenta la tonicità e la giovinezza della pelle;
  • I Polifenoli di vinaccioli d’uva, i più potenti antiossidanti del mondo vegetale;
  • La viniferina di linfa di vite, molecola naturale molto efficace contro le macchie della pelle che illumina l’incarnato;
  • L’acqua d’uva bio, estratta dall’uva fresca, ricca di oligoelementi lenitivi (potassio,calcio) e, come le acque termali, contiene zuccheri idratanti. Disseta e protegge costantemente la pelle;
  • L’olio d’uva, ottenuto direttamente dai vinaccioli dopo l’estrazione e la raffinazione;.
  • La Vinolevure, sostanza estratta dalle pareti del lievito di vino usato per la vinificazione,  protegge e fortifica la pelle, idratando in profondità.

Caudalie si colloca fra i marchi cosmetici responsabili e rifiuta fermamente d’includere nei suoi prodotti le seguenti sostanze: parabeni,  fenossietanolo, oli minerali, OGM, paraffina, coloranti sintetici, il famigerato sodio laureth sulfate, ftalati e materie prime di origine animale. Gli estratti della vite e dell’uva utilizzati per i brevetti, provengono da vigneti bordolesi, borgognoni e della Champagne.

L’azienda francese si propone al mercato mondiale come Cosm-etica eco-solidale, infatti è membro dell’associazione “1% for the Planet“, sostiene il WWF e dona l’1% del suo fatturato annuale ad associazioni impegnate nella tutela dell’ambiente.

Per conoscere tutti i progetti in cui Caudalie è attiva, vi invito a cliccare questo link.

Fra i cinque prodotti cult proposti nel sito ufficiale, ne ho selezionati due specifici per il corpo, un gommage e un olio,  che a mio avviso sono indicatissimi sia per i cambi di stagione, sia per potenziare gli effetti dei trattamenti idratanti o anticellulite.  La Spa Vinothérapie® a casa vostra!

Caudalie-gommage-olio

Gommage Crushed Cabernet
Questo gommage per il corpo dai grossi granuli ha proprietà esfolianti, drenanti, ammorbidenti, leviga la pelle lasciandola divinamente liscia e nutrita. A base di vinaccioli d’uva frammentati, zucchero di canna, olio d’uva, oli essenziali di lemongrass è indicato a tutti coloro che desiderano una forte esfoliazione coniugata a un’azione snellente. Si usa due volte a settimana, sulla pelle umida, massaggiando qualche minuto tutto il corpo con movimenti circolari, insistendo sulle parti dove la cosiddetta buccia d’arancia è più evidente: pancia, fianchi, cosce, glutei, facendo seguire da un accurato risciacquo.
Confezione da 150 g, € 24,65.

Huile Divine
L’Olio Divino possiede proprietà idratanti e nutrienti, rende la pelle del viso e del corpo morbida senza ungere, grazie a un cocktail di oli eccezionali (uva, hibiscus, sesamo, argan) e polifenoli antiossidanti. L’olio d‘uva possiede eccezionali proprietà nutrienti e riparatrici ed è ricco di omega 6 e vitamina E. Una leggera fragranza floreale, avvolge gradevolmente la pelle. Per ogni Olio Divino acquistato, sarà piantato un albero nell’Amazzonia Andina in Perù, presso il sito dell’Alto Huaya Bamba, sostenendo così l’associazione “Cœur de Fôret“. Alla fine del 2012, sono stati piantati in Amazzonia più di 150.000 alberi.
Flacone da 50 ml  € 18,50; da 100 ml  € 28,16.

Il 22 ottobre 2013, dopo le fortunate aperture delle due boutique di New York e quella di Parigi, Caudalie ha inaugurato una nuova lussuosa location a Milano*, in Via Fiori Chiari 14, zona Brera per intenderci. Oltre all’acquisto dei prodotti, tra i delicati effluvi è possibile avvalersi dei consigli personalizzati delle vinoterapeute che vi introdurranno al mondo divino di Mathilde Thomas, degustare una tisana o rilassarsi per un trattamento viso/corpo nell’area dedicata.  La cosa più straordinaria è la preparazione del Gommage Crushed Cabernet personalizzato: agli ingredienti di base vengono aggiunti oli essenziali di propria scelta. Il prodotto è fresco, quindi privo di conservanti o altre diavolerie chimiche e deve esser conservato in frigo, utilizzandolo entro un paio di settimane. Invidio le amiche milanesi che potranno recarsi in questo luogo magico 🙂

boutique-caudalie-milano

boutique-milano

Se vi piacciono l’uva e i prodotti naturali, Caudalie fa senz’altro al caso vostro. Francamente, è una delle nostre aziende preferite, apprezziamo le scelte di Mathilde Thomas (creatrice di Caudalie, n.d.r.) che hanno permesso la realizzazione di una linea cosmetica Vegan, priva  di sperimentazione animale, senza l’aggiunta di petrolati e sostanze aggressive per la pelle.

© 2013 Mirella Puccio – Tutti i diritti riservati

*Fonte foto boutique Caudalie Milano: Pagina aziendale Facebook


7 commenti

L’editoriale di oggi: i danni del sole sulla pelle


L’esposizione incontrollata al sole danneggia gli strati profondi del derma.
In questi casi l’immagine che prova in modo innegabile l’invecchiamento precoce della pelle causato dai raggi UVA e UVB è quella di quest’uomo settantenne, che per 28 anni ha lavorato come camionista; la parte sinistra del suo volto (alla vostra destra) era quella lato finestrino e come si può notare, presenta un invecchiamento molto più accentuato rispetto a quella destra. Mentre l’uomo guidava il camion, i raggi solari colpivano in ogni stagione dell’anno la parte sinistra del viso, provocando ispessimento della pelle e aumento di rughe, che di fatto gli hanno trasformato metà del volto. Il cedimento cutaneo ha inoltre modificato i lineamenti: osservando la foto noterete come l’occhio sinistro sia più basso rispetto al destro. La pelle appare notevolmente raggrinzita e increspata, l’aspetto è sciupato e sembra appartenere a un uomo di 90 anni. È come se i due lati del viso appartenessero a due persone diverse.

danni-da-photoagingI danni del sole sono più che evidenti, se avesse utilizzato una crema con alta protezione, o meglio uno schermo totale, il suo volto sarebbe invecchiato in modo uniforme. I raggi del sole, filtrando attraverso il vetro del finestrino, sono riusciti a penetrare nell’epidermide fino a raggiungere gli strati superiori del derma. I medici hanno diagnosticato una dermatoheliosis unilaterale (dal greco derma, pelle e helios, sole). Se desiderate approfondire l’argomento, cliccando qui troverete l’articolo originale (in inglese) pubblicato sulla prestigiosa rivista medico-scientifica statunitense New England Journal of Medicine.

I raggi UVA sono strettamente connessi a mutazioni del DNA e responsabili dell’insorgenza di alcuni tumori alla pelle, come il melanoma, una delle forme più pericolose di cancro della pelle. Si manifesta in genere come un neo asimmetrico, dai bordi irregolari, in diverse tonalità di marrone o variegato, che continua ad aumentare di dimensioni nel tempo. Clicccando qui troverete tutte le informazioni della Skin Cancer Foundation, con foto e descrizioni.

penetrazione_raggi_solari_nella_pelle

Il 99% dei raggi solari che giunge sulla superficie terrestre è costituito da UVA, quindi occorre proteggere costantemente il viso e le parti del corpo scoperte , usando una crema protettiva dotata di fattore IP (Indice di Protezione), basso/medio in inverno e alto/totale d’estate.

I danni da photoaging colpiscono indifferentemente uomini e donne; in estate i fanatici dell’abbronzatura selvaggia ignorano i pericoli cui vanno incontro.  Le conseguenze di un’esposizione senza adeguata protezione, negli anni produrranno: pelle secca, rughe accentuate, macchie e discromie; nei casi più gravi, tumori cutanei.  Attualmente il carcinoma basocellulare  (BCC) è la forma più comune di tumore della pelle,  ogni tre nuovi tumori diagnosticati, più di uno è un cancro della pelle e nella maggior parte dei casi, si tratta di carcinomi basocellulari.  La causa principale è l’esposizione al sole, sia continua, sia occasionale e intensa, con ustioni ed eritemi. I nei vanno controllati da un dermatologo, monitorando quelli più irregolari; si raccomanda una visita specialistica almeno una volta all’anno qualora si riscontrino problemi.

Un’abbronzatura dorata e uniforme è bella su una cute sana e idratata, non su una pelle cosparsa di macchie, sciupata e avvizzita. Invecchia ed evidenzia ogni difetto ed è incancellabile da primer, fondotinta o correttori vari.  Collo, décolleté e mani sono spesso molto più danneggiati del viso e vanno ugualmente protetti.

Se riscontrate una pelle poco tonica, dal colorito non omogeneo, che non assorbe a dovere i prodotti di trattamento, è necessario iniziare a curare tali inestetismi in maniera più decisa e professionale, affidandosi a esperti, prima che sia troppo tardi. Oltre a eseguire uno scrub settimanale, occorre applicare quotidianamente un’idratante e un eventuale fondotinta dotati di fattore IP anche in inverno. La crema da notte dovrà comprendere fra i suoi ingredienti acido jaluronico, burro di karité e olio di Argan. L’inverno è la stagione ideale per programmare trattamenti di medicina estetica che permettano di rinnovare ed esfoliare la pelle in profondità.

È possibile risolvere molti di questi inestetismi ricorrendo a terapie di medicina antiaging come peeling, trattamenti laser, biostimolazione, biorivitalizzazione, che in poche sedute e con il minimo fastidio restituiranno una nuova pelle e un aspetto più fresco. La pelle sarà gradualmente rigenererata, andando incontro alla bella stagione totalmente rinnovata. A quel punto il sole andrà preso per gradi, senza dimenticare di seguire le precauzioni descritte, avendo cura di applicare creme protettive o schermo totale, in base al proprio fototipo. Chi ha carnagione, occhi e capelli chiari dovrà iniziare necessariamente con una protezione totale o 50+ .

Proteggersi dal sole è importante a tutte le età, tutto l’anno.

Quest’articolo ha uno scopo informativo e intende attirare l’attenzione dei lettori sugli effetti negativi dell’esposizione incontrollata al sole; volutamente non sono stati menzionati prodotti cosmetici e di trattamento da utilizzare poiché saranno argomento di successivi articoli.

© 2013 Mirella Puccio – Tutti i diritti riservati


3 commenti

Clinique Smile Tour 2013: noi c’eravamo!


Evento Clinique Palermo 23.09.1323 settembre ore 16.00, presso l’hotel NH di Palermo prende il via l’evento Clinique Smile Tour 2013 , che ci vede at work together.

In sala convegni, prima fila, Daniela ed io, ascoltiamo la bravissima educational manager Clinique Elvira, che ha debuttato con un breve excursus riguardante la storia dell’azienda. Noi, da brave beauty blogger, eravamo ovviamente erudite sull’argomento, difatti non ho esitato a rispondere con la terminologia appropriata alla domanda se qualcuno fosse al corrente delle origini del brand 🙂

Protagonista dell’evento, ma non solo, la nuova Dramatically Different Moisturizing Lotion+. Il simbolo “+” identifica la presenza nel prodotto di un nuovo complesso che permette alla pelle di rinforzare la barriera d’idratazione del 54% e ritrovare morbidezza, elasticità e luminosità. Come tutti gli altri prodotti del brand, è priva di profumo al 100%, testata contro le allergie e non comedogenica.

Riguardo i test, Elvira ha precisato che non vengono eseguiti su animali (tema a noi molto caro) poiché ogni prodotto Clinique è testato 7.200 volte su 600 persone volontarie, per 12 volte prima di essere immesso sul mercato. Se il prodotto causa una reazione allergica, anche solo una volta, viene riformulato.

Il briefing è proseguito con il Sistema 3 Fasi Clinique e via via Elvira ha illustrato con l’ausilio delle immagini, le varie famiglie di prodotti specifici per la cura del viso che spaziano dalla crema di trattamento al contorno occhi, dal siero al fondotinta, come Even Better, Repairwear Laser Focus, Anti-Blemish Solutions.

Evento Clinique Palermo 23.09.13

Si è dibattuto su BB cream e CC cream , Primer, Chubby stick for eyes and lips (ne riparleremo in un prossimo post, n.d.r.), mascara, profumi… ma quant’è affascinante il mondo della cosmesi? Il pubblico, formato da ragazze di tutte le età, era attentissimo e partecipe, la dialettica di Elvira gradevole ed esaustiva  ha conquistato tutte.

Tre donne sono state selezionate per una prova make-up, gestita dagli altri tre componenti dello staff, fra cui la Beauty Consultant di Palermo, Giusy De Santis; nel frattempo abbiamo avuto la possibilità di toccare con mano i prodotti esposti in sala, porre domande, seguendo le varie fasi del demaquillage e del make-up.

Il tempo è volato via troppo in fretta, al momento del commiato ci hanno chiamato per la foto di rito insieme allo staff Clinique e… via con la sorpresa! Viene distribuita la Clinique bag,  contenente un cofanetto per un mese di trattamento con i prodotti del Sistema di Cura per la Pelle in Tre Fasi (detergente, esfoliante e idratante), tipo I, II III, in base al proprio tipo di pelle ed un Chubby Stick Shadow Tint For Eyes  n.10 Big Blue.

Ringraziamo Elvira Zienna, Education Manager, per la gentile disponibilità e vi assicuriamo  che torneremo a parlare di Clinique e dei suoi prodotti di cura e make-up, con recensioni, foto e video. Intanto siamo felici di aver decollato con un editoriale importante come il Clinique Smile Tour 2013 e averlo condiviso con voi.

Iniziare con un colosso della cosmesi, non è da tutti!

©2013 Mirella Puccio – Tutti i diritti riservati
©2013 Daniela Virzì, photographer

Evento Clinique Palermo 23.09.13

Evento Clinique Palermo 23.09.13

Evento_Clinique_Palermo_23.09.13

Evento Clinique Palermo 23.09.13

Evento Clinique Palermo 23.09.13